Lenti progressive e a profondità di campo

A partire dai 40 anni, il cristallino, ossia la piccola lente naturale all’interno dell’occhio, perde la sua elasticità. La capacità di vedere da vicino diminuisce e nei gesti quotidiani come leggere, cucire, radersi… non si riesce più a mettere a fuoco. Si tratta della presbiopia un’evoluzione fisiologica della vista.
La risposta più completa e tecnologica alla presbiopia è la lente progressiva.
La lente progressiva offre una visione precisa e continua a tutte le distanze con un unico paio di occhiali.

Oggi ogni lente può essere prodotta nei materiali più innovativi, ed essere oggetto di trattamenti che rispondono alle più varie esigenze personali.
Le lenti progressive possono essere realizzate su misura per adattarsi perfettamente alla visione di ogni singolo individuo rispettando i parametri anatomici dell’occhio e i parametri della montatura.

Le Lenti a profondità di campo consentono una visione da vicino più estesa e una profondità di campo maggiore rispetto ad una lente monofocale per lettura.
Queste lenti permettono una visione nitida e precisa a breve distanza (40 cm distanza di lettura) fino ad una distanza media di 140 cm; per questo sono ideali per chi svolge attività d’ufficio o indoor, per i professionisti e per chi fa bricolage o lavori domestici.
Sempre più persone svolgono attività “sedentarie” in luoghi chiusi, che se da una parte richiedono un ridotto sforzo fisico dall’altra implicano un elevato e prolungato impegno mentale (e visivo) che affatica molto gli occhi.

Le lenti a profondità di campo rappresentano la soluzione più indicata per tutti i presbiti che sono già abituati a utilizzare gli occhiali e che così possono mettere nel cassetto il semplice occhialino da lettura e sostituirlo con una soluzione all’avanguardia che fornisce elevate performance.e affaticamento e mal di schiena.

Lenti a profondità di campo

Queste lenti dette anche indoor o dinamiche, confortevoli già al primo utilizzo, riducono l’affaticamento oculare durante il lavoro a distanza prossimale perciò sono anche la soluzione consigliata nel caso di Computer Vision Syndrome che causa, per chi passa molte ore davanti al PC, secchezza oculare affaticamento e mal di schiena.

lenti-oftalmiche_01 - Istituto Ottico Gilioli

Lenti DriveSafe

Le lenti per una guida più rilassata, le lenti ZEISS riescono a rendere la guida meno stressante e più sicura.
Guidare è appassionante per molti ma, per la maggior parte di noi, è solo una necessità che ci rende indipendenti negli spostamenti. Ciononostante, secondo alcuni studi, molte persone si sentono insicure, tese e stressate quando guidano e, in particolare, in condizioni di scarsa visibilità, come durante una giornata piovosa, quando sono circondati dalla nebbia oppure all’alba o al tramonto. Durante la guida una buona visibilità è una condizione imprescindibile per la sicurezza e per evitare incidenti. In caso di scarsa visibilità, ci stanchiamo più velocemente e reagiamo più lentamente. Di che cosa ha effettivamente bisogno chi guida per poter fruire di una buona visione? Quali sono i requisiti che gli occhiali per la guida devono soddisfare nella vita moderna? Abbagliamento, riflessi, affaticamento, luminosità scarsa, sono alcune condizioni avverse per l’occhio che deve essere vigile e attento alla guida.

lenti-oftalmiche_02 - Istituto Ottico Gilioli
Lenti Zeiss DriveSafe

ZEISS ha tenuto conto di tutti questi aspetti nelle sue lenti DriveSafe, realizzando una soluzione che può essere indossata tutto il giorno sia dagli automobilisti abituali che finora hanno sperimentato notevoli disagi a causa di una cattiva visione sia, ovviamente, da chiunque voglia guidare in condizioni più agevoli.

Lenti Digital

I nuovi stili di vita impongono nuove sfide alla nostra visione. I dispositivi mobili quali smartphone e tablet PC sono diventati i nostri fedeli compagni nella vita quotidiana. Semplificano la vita e definiscono il nostro stile di vita. Più li usiamo, più siamo costretti a passare dalla visione da vicino alla visione da lontano e viceversa. Ciò significa che i nostri occhi sono sottoposti ad uno sforzo costante e non sappiamo come affronteranno questa nuova sfida.
Sintomi comuni di stress visivo dovuto all’uso frequente di dispositivi digitali mobili:

  • occhi stanchi e arrossati;
  • collo rigido;
  • mal di testa.

Quello che sappiamo per certo è che le persone tra i 30 e 40 anni spesso accusano frequenti episodi di irritazione agli occhi, dolore al collo e mal di testa, in particolare a fine giornata: riposare gli occhi distogliendoli dallo schermo o i rimedi casalinghi offrono solo un sollievo temporaneo.
Ma allora perché aspettare e rinunciare al comfort?

 

Le Lenti Digital ZEISS offrono beneficio e sono studiate specificamente per aiutare gli occhi stressati e stanchi che affrontano la sfida dell’uso frequente dei dispositivi digitali.

Lenti con trattamento blu protect.
Una quantità eccessiva di luce nell’intervallo ultravioletto e blu-violetto può danneggiare l’occhio umano. Oltre a provocare un’infiammazione dolorosa della congiuntiva e della cornea, può anche causare danni al cristallino (p. es. cataratta) e, in particolare, alla retina (degenerazione maculare). Questo è il motivo per cui è così importante indossare occhiali da sole con una protezione del 100% contro i raggi UV in condizioni di intensa luce solare, soprattutto in presenza di forte abbagliamento, come su uno specchio d’acqua o sulle piste da sci.

Lenti Digital ZEISS

DuraVision® BlueProtect di ZEISS è un trattamento sviluppato specificamente per chi trascorre molto tempo in ambienti chiusi ed è esposto alla luce blu-violetta dei LED o degli schermi di televisori, computer e tablet; riflette parte della luce blu-violetta emessa da fonti di luce artificiali, evitando che giunga all’occhio.

lenti_02 - Istituto Ottico Gilioli

Alternativa alle lenti Zeiss per l’Ufficio e per chi usa smartphone e tablet, Istituto Ottico Gilioli propone le lenti Essilor, leader anch’esso del settore.

 

Queste lenti da vista hanno una forte connotazione hi-tech: grazie infatti alla tecnologia Eyezen Focus, rilassano la vista a chi passa costantemente da PC a notebook, a smartphone, a tablet e via dicendo. Ideale per gli appassionati di tecnologia
Una lente per giovani professionisti, ma anche per appassionati di tecnologia che non possono staccarsi dai propri gadget preferiti che – guarda caso – hanno tutti un display e sollecitano intensamente i nostri occhi.

Per questa generazione di utenti “multi-schermo”, Essilor ha creato Eyezen, una doppia famiglia di lenti oftalmiche ad elevato contenuto hi-tech: troviamo Varilux Eyezen per i presbiti e Essilor Eyezen per i giovani e i pre-presbiti, entrambe pensate per ridurre l’affaticamento visivo conseguente al passaggio ripetuto tra dispositivi diversi e a diverse distanze.

lenti-oftalmiche_03 - Istituto Ottico Gilioli
Lenti Eyezen Essilor

La tecnologia di base, che poi è quello che distingue Eyezen dalle altre lenti, è la tecnologia Eyezen Focus, ovvero un extra-potere correttivo (comune a tutte le lenti della serie) che supporta la visione in ultra vicino ed è localizzato nella parte inferiore delle lente, un’area pensata appositamente per la messa a fuoco delle immagini vicine e che funge da “aiuto” per la visione ravvicinata e per il passaggio dolce tra sorgenti visive a istanze diverse, come un TV e uno smartphone. Inoltre grazie alla tecnologia screen distance, è possibile “personalizzare” la propria lente sulla base della distanza media di lettura dallo schermo, che è un dato quanto mai soggettivo e quindi passibile di personalizzazione.

Lenti i.Scription

Lo strumento di analisi i.Profiler® di Carl Zeiss Vision rende possibile analizzare l’occhio come non si è mai fatto prima, unico nel suo genere, determina la mappa ottica dell’occhio e consente di tenere in considerazione i dati risultanti dall’analisi per la costruzione della lente e la definizione dei suoi poteri correttivi. Ogni occhio è unico come lo sono le impronte digitali e le lenti costruite sulla base dell’analisi dell’I.Profiler, sono personalizzate al massimo dei livelli ad oggi possibili. Queste lenti vengono chiamate lenti i.Scription®. Possono essere sia monofocali che progressive e rendono la visione più nitida, con contrasti più netti e colori più brillanti.
Molte persone che indossano occhiali hanno performance visive soddisfacenti durante il giorno. Appena cala la notte, però, l’acuità visiva diminuisce. Spesso le luci artificiali intense e diffuse irritano molto gli occhi. Guidare la macchina diventa un rischio maggiore in fatto di sicurezza. La causa potrebbe essere determinata proprio dall’uso di lenti che non sono ottimizzate per queste condizioni. Prima d’ora i controlli dell’efficienza visiva non permettevano di andare oltre e determinare tutti i deficit visivi. Questa indagine tradizionale viene chiamata “refrazione soggettiva” Gli esami di refrazione soggettiva devono comunque essere eseguiti, rimane valida la loro utilità per esempio per analizzare la visione spaziale ma non solo. Il nuovo sistema di misurazione oggettivo i.Profiler® è da utilizzarsi in aggiunta al metodo di analisi tradizionale. In questo modo i potenziali errori o limiti a cui era soggetto il precedente sistema di determinazione della acuità visiva, ora possono essere evitati: ad esempio occhi stanchi e visione difficoltosa con scarsa luminosità.

i.Profiler® analizza ogni singolo occhio, creando anche la dilatazione delle pupille, condizione questa che si verifica di notte. Inoltre, è il primo sistema che rileva le cosiddette aberrazioni di alto ordine. Le aberrazioni portano i raggi di luce a essere riflessi più intensamente sui bordi esterni della lente rispetto al centro, con il risultato di una ridotta percezione del contrasto. Altra aberrazione è data dall’asimmetria, che compare quando i raggi di luce sono riflessi in maniera tale che una persona vede qualcosa che alle estremità ricorda la coda di un animale. Entrambi i fenomeni sono responsabili di una cattiva visione al crepuscolo o di notte.

Lenti i.Scription

I risultati di misurazione sono alla base dell’ottimizzazione della lente i.Scription®.
I clienti che già indossano le lenti i.Scription® ne hanno da subito apprezzato i benefici. La visione notturna è enormemente migliorata e chi guida si sente più sicuro.
I colori sono percepiti molto più intensamente, tutte le immagini sono molto più nitide e i contrasti sono sorprendenti.

lenti-oftalmiche_04 - Istituto Ottico Gilioli
essilor - Istituto Ottico Gilioli
green vision - Istituto Ottico Gilioli
marchio_zeiss - Istituto Ottico Gilioli

Metti alla prova la tua vista! Fai il test visivo!